Skip to content

Una mattina mi son svegliato..

..I nazisti reclutavano soldati e mobilitavano l’esercito, utilizzando un contingente di circa 30.000 unità, pronte nei pressi di Roma, per occupare i comuni della zona Prenestina. Palestrina è già occupata dal 9 Settembre.. seguono a breve tutti gli altri Comuni. E cosi inizia un’altra storia..

Cronologia

Gli eventi dell’occupazione nazista, della resistenza, i bombardamenti alleati e la liberazione.

266 giorni che hanno cambiato per sempre la nostra storia e lo stesso aspetto dei nostri paesi.

14 giugno 1943
9 settembre 1943
9 ottobre 1943
1 novembre 1943
7 novembre 1943
7 dicembre 1943
19 dicembre 1943
6 gennaio 1944
8 gennaio 1944
22 gennaio 1944
25 gennaio 1944
22 febbraio 1944
25 aprile 1944
5 maggio 1944
8 maggio 1944
9 maggio 1944
12 maggio 1944
19-20 maggio 1944
24-25 maggio 1944
26 maggio 1944
27 maggio 1944
28 maggio 1944
30 maggio 1944
3 giugno 1944
Palestrina
Scritte antifasciste rinvenute nei locali della casa del fascio
Palestrina
Scontro a fuoco tra militari tedeschi e una piccola unità di blindati del Secondo Reggimento Bersaglieri.
Guadagnolo
I tedeschi catturano don Pasquale Buttarazzi, già cappellano militare dell’aeronautica, che è in contatto con uomini di Bandiera Rossa e con militari sbandati della zona Prenestina: dopo averlo inutilmente torturato per estorcergli notizie, lo mitragliano sulla piazza del paese lasciandolo esposto per tre giorni come monito ai cittadini.
Palestrina
Bombardamento alleato presso stazione treni in Località Valvarino.
Palestrina
Bombardamento alleato presso deposito munizioni tedesche in località Le Quadrelle
Via Casilina, Roma
Squadre partigiane dell’Appio Tuscolano e dei Castelli Romani collocano chiodi a quattro punte sulle vie Appia. Nettunense e Ardeatina; analoga azione di squadre di Torpignattara e di Palestrina sulla via Casilina. Seguono mitragliamenti dei mezzi militari coinvolti nell’ingorgo che si crea.
Cave
Bombardamento alleato sul centro abitato. Danni, morti e feriti.
Palestrina
Saltano 4000 fusti di benzina e carico nascosto galleria tra Labico e Palestrina
Genazzano
Bombardamento aereo alleato – mancato centro storico – probabilmente per errore. Colpita Valle del Rio.
Palestrina
Bombardamento aereo alleato – operazione alleggerimento sulle retrovie in concomitanza di sbarco di Anzio.
Genazzano
Bombardamento aereo alleato. Morti tra tedeschi e civili e danni ad abitati civili.
Palestrina
I partigiani uccidono Camillo Parcaroli, fondatore del fascio repubblicano e collaboratore degli occupanti.
Genazzano
Bombardamento alleato depositi munizioni con danni e alcuni feriti.
Genazzano
Combattimento tra tedeschi e partigiani.
Palestrina
La locale formazione partigiana. Rinforzata da Carla Capponi e Rosario Bentivegna, e un gruppo di partigiani sovietici guidati da Alexsei Kaliaskin, tenendo sotto tiro due prigionieri tedeschi, catturano un reparto accampato nei pressi della città, sottraendogli armi, attrezzature e la cucina da campo.
Genazzano
4 spezzoni, uno colpisce Santa Maria e 3 cadono a 300m dal paese in località la Valle.
Palestrina
In località Olmata, militari tedeschi catturano 5 persone vestite con divisa da tedesco. 4 sono giustiziate immediatamente.
Palestrina
Scontri fra tedeschi e partigiani, con 15 morti e 30 tedeschi catturati.
Palestrina
Combattimento tra partigiani e tedeschi attorno alla sede municipale e incendio della stessa da parte dei Partigiani.
Gallicano
I partigiani attaccano soldati tedeschi causando 5 morti.
Palestrina
I partigiani attaccano depositi e accampamenti tedeschi.
Palestrina
Per rappresaglia per l’uccisione di un militare i tedeschi uccidono 11 persone.
Genazzano
Bombardamento aereo alleato. Morti tra i civili e case rase al suolo.
Genazzano
I nuclei partigiani Garbuglia, Passeri e Bonaccorsi ingaggiano una battaglia di vaste proporzioni contro i tedeschi in ritirata.

La mappa della Memoria

La mappa della memoria racconta la geografia e la storia dei Monti Prenestini e di Palestrina tra il settembre 1943, con occupazione basista dopo la firma dell’armistizio, fino a giugno 1944 quando la zona venne liberata con l’arrivo degli alleati. Per la citta di Palestrina, alcuni luoghi significativi sono legati tra loro in un suggestivo trekking urbano della memoria.

I ricordi 1943-1944

I gatti della montagna

I GATTI DELLA MONTAGNA

Agnese Ambrosini, madre di Marco Valerio – a 17 anni tra i piu giovani partiginai di zona – fa del villino di famiglia, in località Morino di Cave, un punto
Read More

Pane per il fronte

Il pane ha giocato un ruolo chiave nella guerra per Genazzano. La citta diventa dal 43 ‘il forno’ dei fronti di Anzio e Cassino. I tedeschi requisiscono molti forni e
Read More

I marocchini

Cliseide Lisandra delle Fratte racconta la guerra. Play Video
Read More

I soldati

Cliseide Lisandra delle Fratte racconta la guerra Play Video
Read More
scarpe chiodate

LE SCARPE CHIODATE

Intervista a Leonardo Nardi – classe 1923- sulle condizioni vita   Play Video
Read More

Salvare l’arte

Nel convento di San Pio – gestito dai padri Agostiniani irlandesi, furono nascoste in gran segreto – per volere di Mussolini – varie opere d’arte provenienti da Palazzo Venezia da
Read More

Io c'ero

Hai un ricordo che vuoi mandarci?

Fallo contattandoci compilando il form adiacente.